Arsutoria Magazine

Luigi Carnevali: servizio al cliente, qualità e sostenibilità

News aziende Arsutoria

Febbraio 2024

Luigi Carnevali: servizio al cliente, qualità e sostenibilità

Sono queste le tre parole-chiave che guidano questa storica azienda divenuta una realtà di riferimento per la vendita di rinforzi termoadesivi e autoadesivi di alta qualità per calzature, pelletteria e abbigliamento, oggi anche certificata GRS.

La storia della Luigi Carnevali affonda le sue radici lontano nel tempo, addirittura agli inizi del 900, quando si presenta sul mercato specializzandosi nella produzione e vendita di fibbie, guarnizioni e ricami, questi ultimi particolarmente apprezzati negli anni Venti e Trenta.

Dagli anni ’60, l’azienda con sede a Buccinasco, in provincia di Milano, si specializza nella commercializzazione di rinforzi termoadesivi e autoadesivi per il settore calzaturiero e, in seguito, pellettiero.

La qualità dei prodotti e l’attenzione e vicinanza al cliente portano ben presto la Luigi Carnevali a diventare partner di marchi e Maison di grande prestigio comeBottega Veneta, Prada, Gucci, Louis Vuitton e Christian Louboutin.

Così come si contraddistingue per essere una realtà aziendale sempre al passo con i tempi, in grado di proporre alla clientela articoli all’avanguardia, come la guttaperca, un materiale esclusivo realizzato con il caucciù naturale e incredibilmente traspirante, che Luigi Carnevaliintroduce da pioniere in Italia e di cui è ancora oggi concessionario, impiegato per il rinforzo delle pelli.

Nel 2017 la Luigi Carnevali S.a.s.completa la fusione con la consociata Resinoll, specializzata nella vendita di termoadesivi di rinforzo per l’abbigliamento. Si tratta di una fusione importante, che permette di offrire ai clienti una gamma di prodotti davvero completa e a 360°, che vanno dai rinforzi per la calzatura e pelletteria, a quelli per l’abbigliamento in pelle e in tessuto.

“La fusione con la nostra consociata Resinoll ci ha permesso di sfruttare le sinergie tra le varie divisioni e di fare tesoro del know-how e delle competenze maturate in settori diversi, come quello degli accessori rispetto all’abbigliamento. Così, ad esempio, se nell’abbigliamento abbiamo importato materiali più strutturati dove era richiesto, nell’ambito della calzatura abbiamo introdotto materiali di rinforzo più leggeri e invisibili, con grande soddisfazione dei nostri clienti più esigenti. Senza dubbio questa ‘migrazione di competenze’ ci ha portato ad avere risultati sempre migliori in tutti gli ambiti in cui operiamo”.

Altre news che potrebbero interessarti